_________________

Comunità

NUOVO PAESE Australia: l'Edizione di Marzo 2017 della rivista della Filef

EDITORIALE/editorial 
 
La ricchezza umana
 
Karl Marx non poteva immaginare lo sviluppo, l'utilizzo e le conseguenze della tecnologia informatica anche se la sua profonda e sensata analisi della natura del capitale e le vie dello sfruttamento applicato dai potenti su altri esseri umani rimane illuminante.
Tutt’ora ci aiuta a capire sia il cattivo potenziale della concentrazione della ricchezza che il suo efficace intreccio con la crudeltà umana. Però, l’alienazione subita dai lavoratori che Marx aveva identificato, come risultato dalla progressiva distanza dall’individuo dalla sua indipendenza di pensiero e azione e dalla sua identità centrale come individuo sociale, rischia di presentare nuovi e più potenti ostacoli nella lunga marcia dell’emancipazione umana.
Non soltanto aumenta il distacco dell’individuo dai mezzi necessarie per procurarsi gli elementi essenziali per la sopravvivenza (i quali esempi chiave sono la precarietà del lavoro e la disoccupazione) ma si rischia uno stile di vita che offre meno occasione di aggregazione.
E, come Marx notava, è più probabile che l’individuo sia il prodotto del sua ambiente che il risultato di una cosciente scelta di come vorrebbe essere.
La facilità che offrono internet e i social media presenta una prospettiva pericolosa se condiziona l’individuo ad essere sempre meno capace o disponibile ai rapporti di faccia a faccia che sono sempre più indispensabili per quelle dinamicità sociale in grado di misurare le scelte per il bene comune.
Uno di questo bene comune molto contestato è l’espropriazione dell’individuo dalla considerevole ricchezza, produttività e tecnologia che non è state mai così abbondante e che è il risultato di un’accumulazione e evoluzione collettivo.
Cioè, la ricchezza di Bill Gates e Mark Zuckerberg, come tutti gli altri ricconi in altri settori, si è costruita sulle spalle di altri innovatori precedente e lo sforzo di lavoratori che oggi servono di meno, e fra poco per niente, per i lavori tradizionali delle economie agricole e industriali.
Questo dovrebbe aprire una nuova stagione di libertà per l’essere umano cominciando con il reddito di cittadinanza, invece dell’attuale diffusa precarietà e angosce.
 
 

EDITORIAL

Human wealth
 
Karl Marx could not have imagined the development, use and impact of information technology even though his deep and meaningful analysis of the nature of capital and the exploitative ways of the powerful over others remains illuminating.
It still helps us to understand both the negative potential of wealth concentration and its effective coupling with human capacity for cruelty.
However, the alienation suffered by workers that Marx identified as the result of detachment from independent thought and action and from the individual’s core social identity, is likely to be compounded by new and more powerful obstacles towards progressive human emancipation.
This includes increasing difficulties in accessing resources essential for survival (job insecurity and unemployment are part of this) and lifestyles that offer less chance for people coming together.
As Marx noted, it is more likely that individuals are a result of their environment than of how they may want to be.
The facility and promise of the Internet and social media hold a risk if the individual becomes less able or available for face-to-face relationships that are increasingly essential for the social dynamisms that can assess choices for their good common.
A contentious common good is the fair sharing and use of the unprecedented collective wealth, productivity and technology from accumulative and evolving processes.
The ultra wealth of people like Bill Gates and Mark Zuckerberg has been built on the shoulders of previous innovators and workers, who are needed in less numbers, if at all, in traditional agricultural and industrial economies.

This should open a new era of freedom for the human beings, starting with a guaranteed basic income for all, instead of the widespread insecurity and anguish.

 

 

SCARICA Nuovo Paese - marzo 2017

Articoli correlati