il-governo-tedesco-a-caccia-di-medici-e-ingegneri-italiani

CORRIERE DELLA SERA/ IL GOVERNO TEDESCO A CACCIA DI MEDICI E INGEGNERI (ITALIANI): ONLINE UN PORTALE PER OTTENERE IL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA – di Fabio Savelli
“Medici, ingegneri. Dentisti. Ma anche infermieri, badanti, insegnanti. Persino artigiani. “Venghino, siori venghino”. I tedeschi ci provano. Anzi ci aiutano. Consapevoli che attrarre forza lavoro immigrata sia un valore aggiunto, puntano soprattutto su quella altamente scolarizzata: i professionisti.
Con o senza iscrizione ad un ordine professionale, non importa. Da qualche mese hanno lanciato un portale interamente in lingua italiana per evitare problemi di traduzione e incomprensioni lessicali: http://www.riconoscimento-in-germania.it. L’idea è di aiutare chi vuole trasferirsi in Germania ad ottenere il riconoscimento della qualifica professionale anche nel loro Paese senza perdersi nei mille rivoli della burocrazia”. A scriverne è Fabio Savelli sulla versione online del Corriere della Sera.

“Prima fase: trova l’ufficio di riconoscimento. Basta inserire dove sei (o dove vuoi andare a vivere) e il sistema ti elabora immediatamente lo sportello più vicino per adempiere tutte le pratiche del caso.
Seconda fase: sezione riconoscimento professionale. Il portale ti spiega per filo e per segno che cosa significa riconoscere la propria professione, distinguendo tra quelle regolamentate e quelle no, perché le prime hanno l’obbligo di dover essere riconosciute (ad esempio medici e infermieri), le seconde invece hanno una procedura di riconoscimento opzionale. In una specifica sottosezione ci sono poi le indicazioni per i titoli accademici con la possibilità di chiedere una valutazione gratuita del diploma presso l’ufficio centrale per la formazione straniera (Zab). C’è poi la parte relativa ai fondamenti giuridici, in cui si aiuta il giovane professionista con il sogno di lavorare nel Paese di Goethe a districarsi tra le diverse normative dei Länder. Non basta.
Terza fase: Il sito ideato dai consulenti del governo in tema di immigrazione qualificata ha previsto anche una serie di informazioni utili per la parte relativa al soggiorno e all’accesso al mercato del lavoro, ovviamente distinguendo tra chi è cittadino dell’Unione europea e chi non lo è. Prevedendo persino una Borsa lavoro che segnala in tempo reale quali sono le professioni più ricercati e le posizioni attualmente aperte divise per categoria.Quarta fase: il servizio di assistenza telefonica. Se il portale non risponde a tutti quesiti ci pensa l’ufficio federale per la migrazione (Bamf) attivo dalle 9 alle 15 dal lunedì al venerdì e disponibile in tedesco e in inglese.
Qui l’operatore in lingua italiana non c’è, ma d’altronde una minima della conoscenza della lingua inglese è di ordinanza. Infine i numeri: in pochi mesi gli accessi dall’Italia sono stati 27mila”.

 

Fonte: http://www.emigrazione-notizie.org/news.asp?id=11504

2014-12-12 14:11:04

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.