On line il n. 1-2020 di Nuovo Paese, rivista della Filef Australia

L’Editoriale di Frank Barbaro

Spesa pubblica per le libertà

Il mondo sta probabilmente vivendo la più grande concentrazione di capitale di sempre.
Questa ricchezza e il suo potenziale restano bloccati in poche mani private.
Non sono mani responsabili verso le esigenze pubbliche più importanti, e neppure nell’evitare la catastrofe dei cambiamenti climatici.
Nemmeno le società di business ben intenzionate o i singoli filantropi, da sempre beneficiari di sforzi e lavori umani, dovranno mai affrontare i problemi della comunità ed elaborare e attuare soluzioni giuste. La loro funzione è principalmente quella di fare soldi per chi già li ha.
Solo il pubblico, attraverso i governi e varie forme collettive, ha la capacità intrinseca di affrontare e superare le minacce sociali e ambientali, oltre ad offrire prospettive per comunità civili e pacifiche.
L’azione collettiva e i fondi pubblici hanno sempre fornito le essenziali infrastrutture sociali e fisiche alla base delle società civili: lo stato di diritto, i servizi e i mezzi di trasporto e di comunicazione.
Sarà anche la pressione pubblica che garantirà le libertà di base, poeticamente espressa da Franklin D. Roosevelt al Congresso, il 6 gennaio 1941 come: Libertà dal bisogno, Libertà dalla paura, Libertà di parola ed espressione e Libertà di culto.
L’attuale generale malessere economico globale, non sintomatico, ma sistemico, non può essere superato senza l’introduzione dei principi di sostenibilità a tutti i livelli dell’attività umana, comprese le pratiche economiche e commerciali.
Non basta immettere denaro nelle economie come fanno oggi le banche centrali di tutto il mondo, e come è stato già fatto per evitare il collasso della crisi finanziaria globale del 2007/08.
Sarà inoltre insufficiente, oltre che sbagliato finanziare progetti infrastrutturali che generano attività economica (aumentando la domanda di lavoro e i consumi) senza rispettare i principi di sostenibilità ed equità.
Le spese per le infrastrutture pubbliche devono essere spese trasformative per comunità durature, più libere ed eque, che hanno la capacità di prendersi cura del pianeta.

Public expenditure for freedoms 

The world is experiencing possibly the greatest concentration of capital ever.
However, this wealth, and its locked potential, is progressively in private hands.
They are hands that do not have any responsibility towards meeting major public needs or for avoiding the climate change catastrophe.
Not even well intentioned business corporations or individual philanthropists, beneficiaries of historical human endeavour and labours, will ever confront community problems and elaborate and implement just solutions.
Their brief is to make money for owners of money.
Only the public, through governments and through various collective forms, has the inherent capacity to deal with and overcome social and environmental threats and offer prospects for civic and peaceful communities.
Collective action and public funds have always provided the social and physical infrastructures that underpin civil societies such as the rule of law, health and education and physical infrastructures such as transport facilities and communication.
It will also be public pressure for public measures that will ensure basic freedoms, poetically put by Franklin D. Roosevelt to Congress on January 6, 1941 as freedom from want, freedom from fear, freedom of speech and expression and freedom of worship.
The ongoing general global economic malaise, which is not a symptom but systemic, cannot be overcome without the introduction of principles of sustainability at all levels of human activity, including business and economic practices.
Therefore it is not sufficient to just pump money into economies as central banks around the world are doing, and as was done to stave off collapse from the 2007/08 global financial crisis.
It will also be insufficient and misguided to fund infrastructure projects that generate economic activity (labour demand and consumption) but do not respect principles of sustainability and equity.
Public infrastructure spending must be transformative expenditure towards durable, freer and fairer communities that have the capacity to look after the planet.

SCARICA Nuovo Paese in pdf

Altri articoli nell’interno:

Un divario di 41 anni nell’aspettativa di vita
di Claudio Marcello

I dati sulla salute pubblica rivelano un divario di 41 anni tra l’aspettativa di vita degli australiani più svantaggiati e quelli che vivono più a lungo.
L’Università di Torrens, utilizzando i dati dell’unità di sviluppo delle informazioni sulla salute pubblica (PHIDU), ha rivelato enormi differenze nei risultati di salute, a seconda di dove vive una persona e del suo stato sociale ed economico.
Ha mostrato che gli australiani più svantaggiati probabilmente moriranno 41 anni più giovani di quelli con la più alta età media di morte.
Metà degli australiani che vivono nelle terre indigene dell’ APY nell’Australia meridionale, moriranno prima di raggiungere i 48 anni e questa regione ha la peggiore età media di morte della nazione.
Nel frattempo, la metà di coloro che vivono nell’area dell’alta borghesia di Ashburton a Melbourne, la quale vanta la più alta età media di morte della
nazione, vivrà oltre gli 89 anni. I dati hanno mostrato che il numero di australiani in sovrappeso e obesi è il più alto mai registrato e anche i problemi di peso sono legati allo stato sociale ed economico. Lo sviluppo più inquietante è che la percentuale di persone con peso normale è precipitata dal 43,5 per cento della popolazione nel 1995 a solo il 31,7 per cento nel 2017-18.
Nello stesso periodo la percentuale di adulti di età pari o superiore ai 18 anni in sovrappeso o obesi è aumentata dal 56,2% al 67%.
La percentuale di australiani classificati come obesi è quasi raddoppiata, dal 18,7% nel 1995 al 31,3% nel 2017–8.
Il rapporto del professor John Glover del PHIDU dell’Università di Torrens, mostra un forte legame tra i problemi di peso e lo status sociale ed economico.
A livello nazionale, poco più di un terzo (35,6 per cento) degli australiani è ora in sovrappeso e leggermente meno di un terzo è obeso (31,3 per cento).
Poco meno di un terzo (31,7 per cento) rientra nell’intervallo di peso sano e l’1,3 per cento è sottopeso.
“Questi dati sulla salute pubblica rivelano in modo inquietante, ancora una volta, che i risultati di salute più poveri nella nostra comunità si riferiscono alle persone più svantaggiate”, ha detto il professor Glover.

Gli australiani ricchi continuano ad arricchirsi

Con l’1% in più secondo l’ Oxfam, i ricchi australiani continuano a diventare più ricchi, possedendo più del doppio della ricchezza dell’intero fondo, inferiore del 50%. L’elenco annuale dell’ Oxfam che evidenzia la disuguaglianza, ha rilevato che il numero di miliardari in Australia è più che triplicato negli ultimi 10 anni e il valore della loro ricchezza è ancora in aumento. È emerso che la ricchezza dei miliardari australiani, che sono per lo più uomini, è cresciuta in media di $ US460 milioni dal 2018 al 2019.
Lyn Morgain, amministratrice delegata di Oxfam Australia, ha dichiarato che l’1% degli australiani, solo 250.000 persone, possedeva circa $ 1,6 trilioni di
dollari, pari al 22,2% della ricchezza della nazione. Questo era più del doppio della ricchezza del 50% inferiore, che contava oltre 12,5 milioni di persone.
“Questa concentrazione di ricchezza nelle mani dei super-ricchi si sta verificando mentre la percentuale di ricchezza della metà inferiore della nostra
comunità è diminuita nell’ultimo decennio e i salari dei lavoratori continuano a ristagnare in Australia”, ha detto.

Chiamata per riscuotere più tasse da ricchi e multinazionali

L’ Oxfam ha affermato che tassare un ulteriore 0,5 per cento della ricchezza dell’1 per cento più ricco nei prossimi 10 anni equivale a investimenti necessari per creare 117 milioni di posti di lavoro nell’istruzione, nella sanità, nella cura degli anziani e in altri settori per colmare i deficit delle cure.
La sig.ra Morgain ha dichiarato che l’ Oxfam ha calcolato che i paesi in via di sviluppo perdono circa $ 100 miliardi all’anno di entrate fiscali a
causa dell’elusione fiscale da parte delle multinazionali.
“Dato lo stato di disuguaglianza in Australia e all’estero e il contesto di peggioramento delle catastrofi climatiche come gli incendi boschivi, il governo
australiano deve garantire che le multinazionali paghino la loro giusta quota di tasse”, ha affermato.
“Ciò aumenterebbe i finanziamenti pubblici e consentirebbe di fornire servizi migliori a tutti gli australiani rispondendo meglio alle catastrofi, sia qui che in tutto il mondo”.
La Morgain ha invitato il governo federale a presentare relazioni paese per paese, disponibili al pubblico sugli affari fiscali delle multinazionali e ad introdurre un registro pubblico di proprietà effettiva di società e affidamento delle tali. A livello globale, ci sono anche richieste da parte di economisti e altri di introdurre un’imposta minima globale sulle società di tutto il mondo.
Il rapporto dell’ Oxfam si basa sui dati del Global Wealth Databook del Credit Suisse, pubblicato nel secondo trimestre del 2019, nonché sull’elenco dei miliardari di Forbes pubblicato a febbraio 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.